COMUNICATO STAMPA

Confesercenti dice no
ai buoni pasto "Buon Chef "

Nessun accordo Ŕ stato trovato nell'incontro tenutosi oggi tra la delegazioni dell'associazione dei pubblici esercizi, guidata da Toni Vinante, e la "Buon Chef" ditta emettitrice degli omonimi buoni pasto, presso la sede di Confesercenti a Bolzano, per quanto riguarda la percentuale di sconto relativa ai buoni pasto.
L'incontro, almeno nelle intenzioni dei ristoratori, mirava a trovare un accordo sullo sconto che gli esercenti devono riconoscere a Buon Chef.
Confesercenti ha chiesto di mantenere in essere i vecchi contratti (al cinque per cento) ed ha appreso che nel giro di breve Buon Chef vuole stipulare solo contratti al nove per cento.
Il presidente Vinante ha ribadito che gli esercenti non sono disponibili ad accettare queste condizioni e consiglierÓ a tutti gli interessati di non firmare il nuovo contratto, considerato inaccettabile, e valuterÓ quali nuove azioni mettere in atto per costringere la "Buon chef "a rivedere la sua posizione.

Bolzano, 05 gennaio 2004