SICUREZZA STRADALE: GOBBATO (FIEPET CONFESERCENTI),
NO AL PROIBIZIONISMO PER LOCALI NOTTURNI.
OCCORRE INVECE EDUCAZIONE ALLA CONSAPEVOLEZZA
E ALLA CULTURA DEL BERE

 

Roma, 29 apr. (Adnkronos/Labitalia) - "No al proibizionismo". Lo dice a LABITALIA Antonio Gobbato, vicepresidente nazionale Fiepet (Federazione italiana esercenti pubblici e turistici) Confesercenti, a proposito della proposta contenuta nel cosiddetto "pacchetto Giovanardi" (emendamento al Ddl sulla sicurezza stradale) di chiudere i locali notturni alle 4 e di vietare la somministrazione di alcolici dalle 3. L'emendamento e' stato accantonato durante l'esame in commissione al Senato, ma il sottosegretario Giovanardi ha annunciato a LABITALIA che lo ripresentera' qualora in provvedimento vada in Aula.

"La nostra posizione e' semplice -spiega Gobbato- i divieti non servono, non sono utili a nessuno. Noi spingiamo perchŔ si vada verso un'educazione consapevole dei giovani, invece il proibizionismo laddove e' stato applicato ha portato solo illegalitÓ". "Oltretutto -aggiunge Gobbato- i ragazzi possono eludere i divieti andando a comprare prima le bottiglie al supermercato, dove costano molto meno.

PerchŔ -sottolinea- ubriacarsi in un locale pu˛ essere anche molto costoso".